Attrezzature per coltivare funghi

In questo articolo faremo una panoramica generale sugli attrezzi usati per coltivare funghi, sia per uso hobbystico che per uso professionale.

La raccolta dei funghi, non avviene in tutti i periodi dell’anno, ma in determinate stagioni ed inoltre non tutti possono usufruire dei bellissimi paesaggi della montagna. Questo è un buon motivo per dedicarsi alla coltivazione di funghi in casa!

Non è difficile trovare un luogo adatto per coltivare funghi, può andar bene sia il garage, la mansarda o un luogo aperto, l’unico inconveniente potrebbe essere il cattivo odore che viene emanato dal substrato. Ci sono numerose condizioni da rispettare per far si che si abbia un raccolto soddisfacente.

Panoramica sugli attrezzi per coltivare funghi

Per coloro che voglio iniziare la coltivazione dei funghi in modo dilettantistico, le attrezzature da utilizzare sono:

  • cassetta in legno o dei contenitori; per iniziare ne possono andar bene due;
  • telo di plastica: da porre all’interno delle cassette in legno (i classici sacchetti neri per l’immondizia possono andare bene);
  • letame maturo: è necessario mettere il letame maturo ( colore scuro e consistenza friabile, simile a quella del terriccio), è un substrato adatto alla coltivazione dei funghi;
  • terriccio: molto buono è quello per il giardinaggio (purché non sia troppo acido) e deve essere aggiunto al letame, mescolandoli bene prima di inserirli nella cassetta;
  • foglie secche o paglia: serviranno ad aumentare la porosità del substrato.

Bisogna riempire la cassetta fino a 5cm dal bordo, inumidire il terriccio e lasciar riposare per alcune settimane, in modo da far terminare le fermentazioni che potrebbero essersi innescate nuovamente.
Così facendo abbiamo preparato un ambiente adatto alla coltivazione dei funghi.

Con questi strumenti si possono coltivare specie funginee come i funghi Champignon (per i quali consigliamo di leggere l’articolo specifico su come coltivare i funghi champignon che abbiamo realizzato) o prataioli, salliota hortensis bispora oppure Agaricus hortensis bispora, il successo è garantito.

Per chi invece volesse coltivare funghi in modo più impegnativo, professionale, oppure far crescere specie fungine più particolari sono necessari i seguenti attrezzi:

  • serpentina: per riscaldare l’ambiente per avere sempre condizioni ideali per la crescita;
  • termostati: possono essere impiegati sia quelli analogici che quelli digitali molto più precisi dei primi, ma più costosi;
  • timer analogici o digitali: che consentono il controllo automatico della serpentina.

Altri substrati per coltivare funghi

Oltre al letame possono essere utilizzati altri substrati. Quando si cerca di coltivare i funghi, la scelta di un substrato è una decisione importante; il substrato è costituito dal materiale su cui micelio crescerà. Il micelio è un insieme di cellule sulle quasi si basa la crescita vegetativa di un fungo; in sostanza, il micelio sta al fungo come l’albero sta al frutto.

Largamente utilizzati sono anche:

  • Le paglie di cereali come il frumento, la segale e l’avena sono una buona base per la crescita di funghi. Sono componenti facili da ottenere e abbastanza a buon mercato. Si trovano in balle di grandi dimensioni anche nei negozi alimentari o di alimenti per animali. Un grande vantaggio della paglia è che può essere usata per coltivare diversi tipi di funghi. La maggior parte dei funghi non ha alcun problema a colonizzare le fibre vegetali della paglia, il che lo rende un supporto davvero versatile.
  • Ceppi
: Si possono coltivare i funghi anche sui piccoli ceppi, con grande successo. Il ceppo viene tagliato, inoculato con il micelio, e si lasciato incubare. Quando si utilizzano i ceppi, è necessario prendere in considerazione il tipo di legno utilizzato; è meglio scegliere lo stesso tipo di legno sul quale il fungo cresce in natura.
  • Segatura: La segatura arricchita è il substrato più comunemente utilizzato sia dai produttori sia dai coltivatori casalinghi. Anche se funziona abbastanza bene con una varietà di funghi diversi, ci sono alcuni fattori da considerare. La segatura dovrebbe essere prodotta da legni scelti, in base alle specifiche esigenze del fungo (come nel caso dei ceppi). Si può anche scegliere il legno adatto e farlo ridurre in segatura da qualche falegname o centro commerciale che abbia il macchinario apposito. La segatura dovrà risultare grossolana, perché quella a grana troppo fine soffocherebbe il micelio, impedendo la corretta ossigenazione. La segatura va infine arricchita con dell’azoto, aggiungendo della crusca, per esempio.

Altri substrati che risultano efficaci:

La produzione di funghi avviene anche nelle serre, che si differenziano in base ai terreni utilizzati, ai materiali con la quale sono costruite ed in base agli impianti utilizzati per il riscaldamento, alla possibilità di spostamento ed in base al numero di campate.

Un commento su “Attrezzature per coltivare funghi
  1. Lorena Capon ha detto:

    bella idea…saluti

Rispondi

La tua pubblicità qui
Privacy Policy
buzzoole code