Come coltivare funghi cardoncelli in casa

I funghi cardoncelli (Pleurotus eryngii) sono dei funghi ottimi dal punto di vista della commestibilità, del gusto e della corposità, conosciuti fin dai tempi del Medioevo. Sono difficilmente scambiabili con funghi velenosi, hanno un sapore delicato che rispetta gli ingredienti insieme ai quali vengono cucinati e mantengono la loro corposità anche dopo la cottura. Questo tipo di funghi cresce spontaneamente in alcune regioni d’Italia come la Basilicata, alcune parti centrali della Sicilia,  in Puglia, Sardegna, ecc… E’ anche conosciuto attraverso i seguenti nomi: Cardarello, fungo di Ferula o Ferlengo.

In questo articolo vedremo come coltivare i funghi cardoncelli in casa partendo da un substrato pronto, che è possibile acquistare attraverso molti siti internet del settore a pochi euro. Abbiamo scelto di usare un balla o panetto di substrato pronto perché fare tutto da zero è un impresa complessa e necessita molte attenzioni dal punto di vista igienico (ambiente sterile) e non solo. Con le balle di substrato pronto per i funghi cardoncelli possiamo avere il piacere di coltivare e mangiare degli ottimi funghi senza dimenarci troppo.

I passi fondamentali per coltivare questo tipo di funghi

  • Acquistare il substrato presso siti internet del settore, o negozi locali.
  • Disporlo verticalmente in dei contenitori di plastica (alcuni kit sono già pronti e disposti in una scatola loro, quindi in questi casi basta soltanto togliere la protezione superiore).
  • Interrare il substrato coprendolo con circa 1 cm di terriccio e coprendo anche gli eventuali spazi vuoti laterali che rimangono tra il substrato e la plastica.
  • Riporre il tutto in un ambiente buio o in penombra, ma mai sotto la luce diretta del sole. Se vengono riposti all’aperto bisognerebbe mettere un telo di protezione che crei una zona di penombra al 90%.
  • Innaffiare costantemente, giornalmente o anche più volte al giorno. L’importante è tenere il terriccio sempre umido ma non zuppo d’acqua.
  • Aspettare che i nostri funghi cardoncelli escano fuori!
  • I funghi vanno raccolti quando la zona centrale concava si inizia ad appiattire e le spore bianche cominciano a cadere sul capofiore.

La temperatura ideale per la coltivazione dei funghi cardoncelli è di 15-18°, cercando di evitare gli sbalzi di temperatura.

In bocca al lupo e fateci sapere la vostra esperienza scrivendo sul forum!

Taggato con: ,
Pubblicato in Metodi di coltivazione

Rispondi

La tua pubblicità qui
Privacy Policy
buzzoole code